Quesiti sul DM 11/04/2011 - SAFETY&DIRETTIVE

Vai ai contenuti

Quesiti sul DM 11/04/2011


3 Domanda

su un impianto recente e già denunciato INAIL in esercizio dal gennaio 2017 sono presenti tubazioni in categoria PED I e PED III le tubazioni in PED I ricadono in categoria I per ragioni di temperatura (460°C di progetto). la composizione è: linea PED III (64bar e 460°C di Progetto) che termina su una valvola di riduzione a valle della quale troviamo la linea PED I (5,5bar e 460°C di Progetto). Le due tubazioni hanno stesso diametro, stesso materiale P11 e sono state costruite contemporaneamente, solo che la prima e la seconda hanno numeri di matricola diversa facendo parte di linee a diverse condizioni di progetto. il pensiero è quello di rilocare (per migliorare l'accesso alla manutenzione) la valvola di regolazione oggi al termine della linea in categoria III, a valle del primo tratto della linea della linea in categoria I (oggi di scarico della valvola). questo tratto di linea, è praticamente identico per materiali, procedure di saldatura, stress analysis (stessa temperatura) a quello a monte se non per ragioni di classificazione assegnato alla categoria I. quale è la via più semplice e meno onerosa da seguire? è possibile riqualificare la tubazione esistente (e già PED I) in categoria PED III? dobbiamo realizzare la linea ex novo? quale è la possibile soluzione?
La valvola di sicurezza ai trova a vale del tratto che vorrei riqualificare, subito dopo la linea in categoria I e quindi si troverebbe ancora a valle della riduttrice ma ancora più vicina alla riduttrice.

Risposta

Si può rimarcare CE la linea categoria I in categoria III a condizione di essere in possesso del fascicolo tecnico della linea, certificati materiali e qualifiche saldatori e procedimenti di saldatura, e  a condizione che questi procedimenti e i saldatori  siano stati  qualificati da organismo notificato.
In tale ipotesi occorrerebbe solo fare i raggi x alle saldature e dare il tutto all'organismo notificato per la riqualificazione2 Domanda

su un impianto recente e già denunciato INAIL in esercizio dal gennaio 2017 sono presenti tubazioni in categoria PED I e PED III le tubazioni in PED I ricadono in categoria I per ragioni di temperatura (460°C di progetto). la composizione è: linea PED III (64bar e 460°C di Progetto) che termina su una valvola di riduzione a valle della quale troviamo la linea PED I (5,5bar e 460°C di Progetto). Le due tubazioni hanno stesso diametro, stesso materiale P11 e sono state costruite contemporaneamente, solo che la prima e la seconda hanno numeri di matricola diversa facendo parte di linee a diverse condizioni di progetto. il pensiero è quello di rilocare (per migliorare l'accesso alla manutenzione) la valvola di regolazione oggi al termine della linea in categoria III, a valle del primo tratto della linea della linea in categoria I (oggi di scarico della valvola). questo tratto di linea, è praticamente identico per materiali, procedure di saldatura, stress analysis (stessa temperatura) a quello a monte se non per ragioni di classificazione assegnato alla categoria I. quale è la via più semplice e meno onerosa da seguire? è possibile riqualificare la tubazione esistente (e già PED I) in categoria PED III? dobbiamo realizzare la linea ex novo? quale è la possibile soluzione?
La valvola di sicurezza ai trova a vale del tratto che vorrei riqualificare, subito dopo la linea in categoria I e quindi si troverebbe ancora a valle della riduttrice ma ancora più vicina alla riduttrice.

Risposta

Si può rimarcare CE la linea categoria I in categoria III a condizione di essere in possesso del fascicolo tecnico della linea, certificati materiali e qualifiche saldatori e procedimenti di saldatura, e  a condizione che questi procedimenti e i saldatori  siano stati  qualificati da organismo notificato.
In tale ipotesi occorrerebbe solo fare i raggi x alle saldature e dare il tutto all'organismo notificato per la riqualificazione

1 Domanda

Navigando su internet ho visto che nella sua pagina sono presenti i corsi per ispettore ped. Siccome vorrei conseguire questa abilitazione, chiedo a lei se potesse darmi delucidazioni a riguardo, nel senso che vorrei capire se ho i requisiti per poter partecipare a questi corsi, ho un diploma di perito meccanico, e nel caso fossi idoneo, che tipologia di corsi devo seguire per poter ottenere questa abilitazione.

Risposta

Purtroppo devo dirle che per fare l'ispettore PED per gli apparecchi in esercizio l'unica cosa che non è richiesto per l'abilitazione è paradossalmente un corso di formazione. Gli ispettori vengono abilitati dal Ministero del lavoro su richiesta dei cosiddetti soggetti abilitati i quali devono dimostrare che il tecnico da abilitare abbia fatto una cinquantina di affiancamenti con propri ispettori. Quindi occorre conoscere un ispettore di zona che sia disponibile a fare il training. Invece per fare l'ispettore PED per gli apparecchi in costruzione (marcatura CE) è completamente a discrezione degli organismi notificati incaricare un tecnico. Cioè non esiste una "abilitazione" ma gli organismi notificati si "allevano" gli ispettori.In conclusione il corso è complementare,serve per affinare la preparazione ma non è sufficiente  per alcuna abilitazione.

Torna ai contenuti